Marmomac 2019 - Unicità e Geodiversità della pietra

Ristorante d’autore Nature works – la forma della natura

Il Ristorante d’Autore “Nature Works” , progettato da ADI DELEGAZIONE VENETO TRENTINO ALTO ADIGE e allestito all’interno del Padiglione 1 The Italian Stone Theatre di Marmomac, vuole essere un omaggio a due eccellenze italiane, il marmo e il cibo.


Nell’edizione 2019 il tema del progetto vuole sviscerare come, nel corso dei millenni, l’acqua, il vento e i lapidei si fondano in un’unica forma in costante mutamento, sagomata e modellata dal tempo. Marmo, pietra, granito e onice, avranno il compito di rappresentare il divenire dei vari aspetti della roccia in natura, interpretandolo per dare forma a oggetti di arredo e di design.



"Desertificazione": il concept di un progetto condiviso

Il ristorante, che accoglierà la cucina di prestigiosi chef stellati, sarà caratterizzato da 14 tavoli, ciascuno progettato da un designer, e realizzato da un’azienda del settore.


Anche quest’anno, Athena Marmi collabora con l’Architetto veronese Valerio Facchin, che ha voluto così riassumere il concept del suo tavolo:


“Il mio progetto segue un’idea già percorsa nell’edizione dello scorso anno di voler esprimere un concetto di “riflessione” sulle emergenze del nostro pianeta, già coinvolto in una inesorabile crisi climatica, in gran parte provocata dalle attività umane.

La collaborazione con Athena Marmi già lo scorso anno aveva permesso la realizzazione del mio progetto di tavolo “Erosione” che rappresentava, in una sorta di diorama, la costa erosa dal mare e quindi portava a riflettere sulla fragilità del nostro territorio.

Con grande entusiasmo anche quest’anno Athena Marmi ha voluto realizzare il mio nuovo tavolo “Desertificazione che riprende l’importante tema di riflessione sul cambiamento climatico evocando, con una sapiente lavorazione dei materiali, l’inesorabile processo dei cambiamento in atto. La siccità modifica il territorio e la conseguente desertificazione viene fissata nel marmo per ricordarci le conseguenze di scelte energetiche scellerate."




Trasporre nel marmo gli effetti di siccità e desertificazione


Continua poi l'Architetto Facchin: "Con una attenta lavorazione si è potuto riprodurre la naturale frammentazione del terreno quando è arso dalla siccità. Le zolle di travertino lavorate secondo le spaccature da me progettate sono state abrase nella parte centrale per evidenziare l’effetto di sollevamento dei bordi dovuto all’essicazione del terreno.

Credo che con questo tavolo il messaggio sotteso diverrà subito evidente perché espresso con notevole forza dall’intera materia lavorata del piano in Granito Nero Assoluto, Travertino e Pietra Dorata, grazie all’ottima interpretazione del mio progetto fatta da Athena Marmi, al perfetto dialogo instaurato fin da subito e alla grande disponibilità dimostrata dall’azienda.”


Athena srl - Via Chiampo, 51 Arzignano VI - tel +39 0444 451888 - fax +39 0444 457389 - info@athenamarmi.it - PI: 02340370242 - Rea: 223953 - Cap. Soc. €21.000 i.v.

project by DiBi Project - created by Piki Studio

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon